Badoere di Morgano e la “Rotonda”

rotonda

Badoere di Morgano e la “Rotonda”

La storia racconta che la  cittadina è cresciuta intorno alla tenuta della famiglia Badoer in cui già in passato si teneva un importante mercato tutte le settimane.

E’ stato solo dal Novecento che Badoere ha ottenuto una sua autonomia, in quanto frazione di Morgano e, nel 1920, è sorta anche la parrocchia di Sant’Antonio da Padova.

La chiesa parrocchiale attuale è stata costruita nel primo dopoguerra in stile neogotico.

All’interno non si segnalano opere di particolare pregio se non un interessante organo Tamburini, del 1945, restaurato nel 2008 dalla Casa Organaria Saverio Girotto.

In passato aveva una sua stazione, più precisamente dal 1941 al 1945, era una fermata nella tratta ferroviaria che portava da Treviso fino a Ostiglia.

Oggi al posto dei binari è nata la pista ciclabile Treviso-Ostiglia, 118 km da percorrere sulle due ruote.

La Rotonda di Badoere

Questa è una delle barchesse più celebri del Veneto, è strutturata i modo di accogliere molte botteghe disposte su un semicerchio. E poi delle abitazioni sull’altro. Inoltre ospita una spaziosa piazza in cui svolgere il mercato.

Il lungo porticato semicircolare si compone di 41 arcate che corrispondono allo stesso numero di botteghe previste.

Gli artigiani e i mercanti che le occupavano avevano un ingresso all’interno della Rotonda e un balcone che si apriva a ribalta verso l’altro, usato come vetrina.

In principio le barchesse erano due e formavano un doppio semicerchio.
La villa padronale di cui facevano parte è stata completamente distrutta in un incendio scoppiato nel 1920, a causa di un tumulto dei contadini.

Fu la famiglia patrizia veneziana dei Badoer a commissionare la costruzione della Rotonda e della chiesetta, con lo scopo di accogliere il mercato settimanale, che si svolgeva di lunedì.

Pensate che era stata la Serenissima ad autorizzare il mercato ad Angelo Badoer, già dal 168.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *