Treviso: tre leggende sulla nascita della città

treviso piazza dei signori

Treviso: tre leggende sulla nascita della città

Treviso è una città molto antica, e si narrano ben tre leggende che riguardano la sua nascita.

La prima collega il primo nucleo della città ai Taurisci, un popolo di orgine celtica che adorava il dio egizio Api che aveva le sembianze di un toro.

A quanto risulta da questo racconto, i Veneti occupati dal popolo dei Giganti si affidarono al dio Api per riavere la libertà. Perciò lui, insieme ai Taurisci, sconfisse in battaglia i Giganti invasori.

Per ricordare questo evento miracoloso si fondò Taurisium, cioè la città del Sacro Toro.

Un’altra leggenda sulla nascita della città dice che la fondò Osiride, discendente di Noè e regnante nel territorio italico per una decina d’anni.

Quando Osiride morì fu venerato sotto forma di un toro ed eccoci ritornati a Taurisium.

La terza storia fa risalire l’origine di Treviso a Dardano, il capostipite dei Troiani.

Lui fondò nel territorio veneto la città di Eugania. E, per difenderla, edificò ben quattro roccaforti. La più grande si chiamava Tusino ed era comandata da Montorio, che sembra essere il capostipite della famiglia Collalto.

Montorio fece installare alla porta principale della città la statua di una ragazza con tre teste.

E ogni testa, a sua volta, aveva tre visi. E quindi da Tusino la città passò a chiamarsi Tre-visi.

Ogni narrazione incuriosisce i visitatori che amano la città, la storia dei suoi monumenti e apprezza anche le leggende che la riguardano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *